I professionisti dell’asset management nel Regno Unito stanno ottenendo il sostegno regolatorio per adottare la tecnologia blockchain al fine di tokenizzare i fondi, abbandonando i tradizionali sistemi di registrazione. In un recente studio presentato dall’Associazione degli Investimenti, si afferma che la tokenizzazione dei fondi, che si riferisce all’emissione di quote o azioni tokenizzate su Distributed Ledger Technology (DLT), porterà a un settore finanziario più efficiente e trasparente. Nello specifico, l’adozione di un sistema di registrazione condiviso in tempo reale tra tutte le parti coinvolte nella gestione del fondo ridurrà i costi amministrativi e semplificherà il processo di riconciliazione, consentendo tempi di liquidazione più rapidi. Nel frattempo, il rapporto propone alcuni principi per l’implementazione dei fondi tokenizzati. Tra questi principi vi è l’assicurare la rilevanza per gli investitori nazionali e internazionali e evitare di concentrarsi esclusivamente sul settore dei gestori patrimoniali di investimento. La prospettiva è quella di creare un ambiente che favorisca la partecipazione globale e promuova la diversificazione degli investimenti. In sintesi, l’integrazione della tecnologia blockchain per la tokenizzazione dei fondi rappresenta un passo significativo verso un futuro finanziario più efficiente, trasparente e accessibile a un pubblico più ampio.

Leggi l’articolo completo qui.