BITHUMB HA VIETATO AL SUO STAFF DI FARE TRADING SULLA PIATTAFORMA | Associazione Italia4Blockchain

Lo scambio di criptovalute sudcoreano Bithumb ha vietato ai suoi dipendenti di fare trading sulla propria piattaforma. Annunciando la notizia venerdì, Bithumb ha detto che la mossa è stata fatta per migliorare la trasparenza sulle transazioni di criptovalute, ma una legge imminente in Corea impone agli scambi di criptovalute locali di vietare ai dipendenti di fare trading sulle proprie piattaforme.

La legge entrerà in vigore il 25 settembre. Se i dipendenti degli scambi di criptovalute non si conformano entro la data, potrebbero affrontare una multa fino a 100 milioni di won (circa 88.000 dollari) dalla Korea Financial Services Commission (FSC) se vengono sorpresi a fare trading sulle piattaforme per cui lavorano. La legge richiede anche che gli scambi di crypto locali collaborino con le banche locali per aprire conti bancari con nome reale entro il 24 settembre. Mentre le borse più grandi potrebbero soddisfare i requisiti, ben 50 borse più piccole in Corea potrebbero chiudere.

Bithumb attualmente ha già alcune altre restrizioni imposte ai suoi dipendenti, come il divieto di fare trading durante l’orario di lavoro e di acquistare nuove crypto entro 72 ore dalla loro quotazione sullo scambio. Inoltre richiede anche a tutti i dipendenti di non utilizzare le informazioni aziendali per benefici personali di trading.

Leggi l’articolo completo qui.